Prestiti SBP

La guida economica indispensabile!

Prestiti: perchè non usare una carta revolving?

carta revolving ricaricabileOggi parliamo di carte revolving e del perchè questo strumento di finanziamento può essere, se usato correttamente, molto utile. Per prima cosa cerchiamo di capire cos’è una carta revolving e cosa ha a che fare con i prestiti personali. In sostanza si tratta di una carta di debito che può essere usata per finanziare le proprie spese.

Il cliente ha un credito da poter utilizzare, una sorta di fido, che dovrà essere rimborsato alla banca secondo rate mensili. In sostanza tutte le spese di un determinato mese vanno a diluirsi sulle rate da pagare nei mesi successivi.

Proviamo a fare un esempio per rendere più comprensivo il tutto. Se con la mia carta revolging spendo 1000 euro questo mese, questi verranno dilazionati (ad esempio) nei 12 mesi successivi andando a incidere sulla rata per circa 90-100 euro. La particolarità, però, è che al pagamento di ogni rata mensile si andrà a ricaricare il credito e, quindi potrò riutilizzare il fido. In sostanza si ha un prestito personale sempre a propria disposizione, da poter utilizzare per qualsiasi cosa e in qualsiasi momento.

Carte revolving e prestiti personali

Come abbiamo detto potremmo assimilare questo strumento ad un fido bancario perchè in effetti, il funzionamento è molto simile. Si ha un prestito personale approvato dalla banca e con il capitale sempre a propria disposizione. Se utilizzo tutto il capitale (esempio 5 mila euro) al pagamento di ogni singola rata andrò a ricaricare il conto e, di conseguenza, la possibilità di utilizzare nuovamente quei soldi.

Puoi leggere anche: prestiti personali ricaricabili: cosa sono e come funzionano

Ovviamente questo strumento è, sempre, una forma di finanziamento e come tale prevede il pagamento di un tasso di interesse. Proprio per questo motivo, prima di sottoscrivere una carta revolving è bene valutare con attenzione le condizioni a cui questi prodotti vengono proposti.

Sicuramente si tratta di uno strumento che si adatta alle esigenze di chi ha bisogno di una liquidità continua evitando di dover avviare, ogni volta, tutto l’iter per richiedere un normale prestito personale, con tutti gli impegni burocratici che ne conseguono (presentazione dei documenti, apertura di nuovi conti correnti, ecc.).

Le migliori carte revolving

Come da prassi andiamo a vedere quali sono le migliori carte revolving proposte dalle banche in Italia. Qui di seguito trovi una breve selezione dei prodotti più interessanti. Ti consiglio di approfondire l’argomento sui siti dei singoli istituti di credito.

  • Carta Revolving Fingepa: questa carta è pensata a chi vuole fare acquisti online o ha la necessità di avere sempre del credito a disposizione. E’ una carta del circuito Mastercard e permette di fare acquisti in tutto il mondo con la protezione sms alert (si riceve un sms ad ogni acquisto fatto così da intervenire in caso di azioni fraudolente);
  • Carta PASS Carrefour: questa carta presenta diverse soluzioni interessanti. Ad esempio si può scegliere di rimborsare il prestito con modalità differenti, di volta in volta (fine mese, a rate, ecc.) e accedere a tutti gli sportelli bancomat. Ottimo anche il tasso di interesse applicato… sicuramente uno strumento che vale la pena valutare.
  • Carta revolving Hello Bank: per chi non la conoscesse HelloBank è la banca online del gruppo BNL, quindi molto sicura e affidabile. Offre una carta molto innovativa e con bassi costi di gestione.

Nel complesso posso dire che il mercato delle carte revolging è in continuo fermento in quanto i clienti sembrano apprezzare, sempre più, la flessibilità che questo strumento offre rispetto ad un normale prestito personale. Ovviamente laddove si necessiti di somme di denaro superiori ai 5 mila euro è necessario, comunque, richiedere un vero e proprio finanziamento ma entro tale somma quella della carta revolving può essere una scelta da valutare con molta attenzione.

Pubblicità

Prestiti SBP © 2015 - P.I. 10780011002