Perché un prestito viene rifiutato?

prestiti-rifiutatiPuò succedere che quando si richiedere un prestito personale questo venga rifiutato, il più delle volte il richiedente resta perplesso e non riesce a capire cosa ha portato l’istituto bancario o finanziario a rifiutare la pratica. Questo avviene perchè la comunicazione con la banca non è sempre semplice, specialmente quando si devono affrontare tematiche legati alle erogazioni dei finanziamenti che possono essere influenzate da fattori di natura complessa.

FAI UN PREVENTIVO VELOCE PER IL TUO PRESTITO: >>> CLICCA QUI <<<

Cerchiamo di capire, quindi, perchè un finanziamento può essere rifiutato dall’istituto di credito e cosa può fare un cliente per evitarlo così da risparmiare tempo e denaro, riuscendo ad ottenere liquidità velocemente.

Per quali motivi un prestito viene rifiutato?

La sua mancata erogazione solitamente è legata a diversi aspetti, tra cui l’insufficienza della capacità di rimborso del soggetto che richiedere il prestito.

Prestiti Personali: trova le migliori offerte

Tutti i vantaggi:banche e finanziarie a confronto; migliori tassi di interesse;ti bastano 2 minuti; risparmi soldi sulla rata;
Come funziona:vai sul comparatore;inserisci i tuoi dati;scegli il prestito più conveniente; ricevi il denaro sul tuo conto corrente
Di cosa ho bisogno: 2 minuti del tuo tempo;i tuoi dati personali;l'importo di cui hai bisogno;i tuoi dati reddituali;
Clicca su "CALCOLA LA RATA", compila con i tuoi dati e scopri il miglior prestito personale online!

Il prestito viene rifiutato se la persona che lo richiede ha già altri contratti di finanziamento aperti che impegnano più di un terzo del reddito, questo per evitare possibili situazioni di indebitamento eccessivo, si tratta di una sorta di atto di responsabilità della banca per evitare di mettere il cliente in una situazione insostenibile.

Altro motivo di rifiuto del prestito è il mancato pagamento di rate di finanziamenti passati o protesti che hanno portato ad una segnalazione negativa da parte delle banche nel registro crif.

Gli enti che erogano il prestito possono consultare in qualunque momento le banche dati private o la Centrale Rischi della Banca d’Italia, in questo caso, prima che un soggetto venga inserito, dovrà essere informato e aver concesso per iscritto l’autorizzazione al suo inserimento.

Da tener presente che nella maggior parte dei casi l’autorizzazione all’ interrogazione delle banche dati è inserita nel contratto di richiesta del prestito e che quindi il richiedente approva automaticamente il suo inserimento.

Se il prestito viene negato, la banca o l’ente che l’ha rifiutato è tenuto ad informare il cliente delle motivazioni che hanno portato alla negazione, evidenziando anche le informazioni negative trovate nelle banche dati dei cattivi pagatori.

Approfondimenti sullo stesso argomento