bancoposta click

Piccoli prestiti Poste Italiane

Quando c’è necessità di liquidità o si vuole realizzare qualche progetto molte persone si mettono alla ricerca delle migliori soluzioni per ottenere un finanziamento, ma in alcuni casi servono delle piccole somme giusto per superare dei momenti di leggera difficoltà o per avere subito dei soldi a disposizione: per chi si ritrova in questo tipo di situazioni la soluzione potrebbe essere rappresentata dai piccoli prestiti Poste Italiane, il cui nome ufficiale è Mini Prestito BancoPosta.

FAI UN PREVENTIVO VELOCE PER IL TUO PRESTITO: >>> CLICCA QUI <<<

Il Mini Prestito BancoPosta: caratteristiche e requisiti

La prima cosa da chiarire è che questo finanziamento può essere richiesto solo dai titolari di una carta PostePay Evolution (anche se non hanno un conto corrente BancoPosta); ovviamente la carta deve essere in corso di validità e il richiedente deve avere un’età compresa tra i 18 anni al momento della domanda e i 76 anni non compiuti al termine del piano di rimborso; bisogna inoltre essere residenti in Italia ed avere un reddito dimostrabile prodotto in Italia. Dopo aver visto i requisiti richiesti, vediamo quali sono le principali caratteristiche dei piccoli prestiti Poste Italiane. In realtà si tratta di un finanziamento molto semplice, visto che è possibile richiedere 1.000, 2.000 o 3.000 euro e l’importo va rimborsato in 22 mesi. Se il momento di difficoltà si risolve prima del previsto, il Mini Prestito BancoPosta può anche essere estinto anticipatamente senza andare incontro ad ulteriori oneri: l’estinzione anticipata può avvenire in qualunque momento a partire dal quindicesimo giorno successivo all’erogazione (i primi 14 giorni rappresentano il periodo di recesso) e per farlo basta recarsi presso un ufficio potale abilitato per questo tipo di servizio.

Come abbiamo già scritto, la semplicità è il tratto distintivo di questi piccoli prestiti Poste Italiane e lo si pu notare anche nelle modalità di erogazione e rimborso: la somma finanziata viene accreditata direttamente sulla carta PostePay Evolution, mentre il pagamento delle 22 rate mensili (che hanno scadenza il 15 o il 30 di ogni mese) avviene con addebito sulla stessa carta oppure, se indicato in fase di sottoscrizione, con addebito sul conto corrente BancoPosta. Qualche riga fa abbiamo parlato dei requisiti necessari per ottenere un Mini Prestito BancoPosta, mentre ora riepiloghiamo quali sono i documenti da presentare con la domanda: servono un documento di identità, la tessera sanitaria e un documento di reddito; i cittadini stranieri devono presentare anche il passaporto, la carta di soggiorno o il permesso di soggiorno che attestino la residenza in Italia da almeno 12 mesi (per i lavoratori dipendenti) o 36 mesi (per i lavoratori autonomi) e la documentazione che attesti che lavora da almeno 12 mesi di fila per lo stesso datore di lavoro.

Altri strumenti per ottenere piccoli prestiti Poste Italiane

Se servono somme contenute ma comunque superiori ai 3.000 euro è necessario affidarsi ad altri prodotti: non sono propriamente dei piccoli prestiti Poste Italiane, ma con il Prestito BancoPosta e il Prestito BancoPosta Flessibile è possibile ottenere importi proprio dai tremila euro in su. Con Prestito BancoPosta è possibile richiedere cifre dai 3.000 ai 30.000 euro con possibilità di rimborsarli in 24/84 mesi; questo finanziamento può essere richiesto anche da chi non è titolare di un conto corrente BancoPosta: è sufficiente risiedere in Italia e avere un reddito dimostrale prodotto in questo Paese. L’erogazione avviene con accredito sul proprio PostePay Evolution, libretto di risparmio o conto corrente (per chi non ha un conto presso Poste Italiane l’importo massimo si ferma a 20.000 euro), mentre il pagamento delle rate avviene con addebito diretto sugli stessi strumenti oppure con i bollettini postali.

Il Prestito BancoPosta Flessibile ha caratteristiche simili al finanziamento appena descritto (è possibile richiedere importi da 3.000 a 30.000 euro), ma si contraddistingue per la durata (che può arrivare fino a 108 mesi) e per la possibilità di cambiare o saltare la rata di rimborso: si può cambiare l’importo scegliendo di passare dalla Rata Base alla Rata Alta o alla Rata Bassa stabilite in sede di stipulazione di contratto (e di conseguenza si riduce o si allunga il piano di rimborso) e si può saltare la rata (fino ad un massimo di tre volte) che sarà posticipata al termine del finanziamento (prima di poter esercitare una di queste opzioni è necessario aver pagato regolarmente almeno sei rate). In questo periodo è disponibile anche una promozione per i titolari di Conto BancoPosta sui prestiti dagli 8000 euro in su: l’esempio riportato sul sito ufficiale di Poste Italiane fa riferimento ad un finanziamento da 18.000 euro (quindi siamo un po’ fuori dai canoni dei mini prestiti Poste Italiane) da restituire in 90 mesi con rate da 268,88 euro (Tan fisso 8,25% e Taeg 8,61%).

A prescindere dal prodotto finanziario scelto, la procedura per sottoscrivere un prestito con Poste Italiane è sempre la stessa: dopo aver fatto una ricerca dell’ufficio postale più vicino è possibile prenotare un appuntamento con un consulente o chiamare il numero gratuito 800003322 per avere maggiori informazioni; il giorno dell’appuntamento il personale illustrerà le soluzioni più adatte alle esigenze del cliente.

>Puoi leggere anche:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *