Come funziona il prestito inps pluriennale

inpsDopo aver visto come funzionano i prestiti inpdap molti lettori ci hanno chiesto maggiori informazioni in merito al prestito inps pluriennale. Va detto che, in linea di massima, non sussistono delle grandissime differenze e i 2 prodotti potrebbero tranquillamente essere accorpati o, comunque, considerati una cosa sola.

Ovviamente noi, per onore di cronaca, andiamo ad analizzare in tutte le sue sfaccettature questo importante finanziamento, segnalandovi anche le modalità di richiesta che vanno inoltrate all’istituto previdenziale.

Per prima cosa dobbiamo ricordare che questo finanziamento agevolato (più avanti vedremo perchè nel dettaglio) è riservato ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Come funziona

Per prima cosa va detto che ci sono dei requisiti per poter usufruire di questo prestito. Il primo e fondamentale aspetto è quello di essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il secondo requisito fondamentale è quello di essere in posseso del contratto di lavoro da almeno 4 anni.

La durata massima del prestito dipende dalle esigenze del richiedente. L’inps mette a disposizione 2 possibilità: un piano di rimborso a 5 anni (60 mensilità) e uno, più lungo, a 10 anni (120 mensilità) Per i lavoratori a tempo determinato, invece, vi è la possibilità di richiedere un prestito inps con durata massima che non deve essere superiore alla scadenza del contratto di lavoro. Se, ad esempio, si ha un contratto con scadenza a 8 mesi si potrà ottenere un piccolo finanziamento con scadenza entro tale termine.

Questo di sicuro è una forte limitazione ma, di fatto, è stata introdotta anche a tutela del lavoratore stesso che in questo modo non si troverà a pagare la rata anche una volta che il contratto di lavoro sarà terminato.

Puoi leggere anche: come ottenere prestiti in sole 24 ore

Pro e contro dei Prestiti pluriennale inps

Anche se può sembrare una domanda banale si tratta, comunque, di un dubbio legittimo che accomuna moltissime persone. Va detto che il prestito pluriennale inps è un prodotto molto conveniente, rispetto ad un normale finanziamento e anche risptto a moltissimi prestiti online. L’istituto previdenziale, infatti, ha previsto un tasso di interesse del 3,5% (a cui va aggiunto un ulteriore 0,5% a titolo di spese amministrative). Parliamo, quindi, di una differenza reale di almeno 3-4 punti percentuali rispetto ai prestiti più convenienti sul mercato.

Puoi leggere anche: prestiti cambializzati senza busta paga

La domanda necessaria per ottenere la linea di credito deve essere corredata dalla documentazione richiesta (in linea di massima servono i soliti documenti, ma consigliamo di chiedere info presso la sede locale dell’Inps o controllare sul portale ufficiale dell’ente). Infine va ricordato che la domanda può essere inviata solo ed esclusivamente per via telematizzata. Questa norma è stata introdotta a partire dal 2011 ed è volta a rendere più ottimale la presentazione delle domande stesse.

Come presentare la domanda

Per poter ottenere velocemente l’accesso al credito da parte dell’inps è necessario compilare la documentazione che si trova online sul sito ufficiale dell’ente di previdenza sociale. In alternativa si possono trovare maggiori informazioni su moduli da presentare e sui requisiti richiesti, anche recandosi presso la sede di pertinenza della propria zona. Nel complesso possiamo dire che questa tipologia di finanziamento proposta dall’inps è, sicuramente, molto interessante in quanto permette di ottenere liquidità a condizioni molto interessanti e, cosa ancor più importante, in breve tempo così da poter far fronte anche alle esigenze più immediate.

>Puoi leggere anche:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *